Bloomberg confronta la volatilità in calo di Bitcoin con le azioni Amazon nel 2009

Memeinator Moneta
IL PROSSIMO PRESALE CON POTENZIALE x100?
Memeinator Moneta
IL PROSSIMO PRESALE CON POTENZIALE x100?

Bloomberg confronta la volatilità in calo di Bitcoin con le azioni Amazon nel 2009

By Sam Grant - min. di lettura
Aggiornato 16 March 2023
  • La posizione della Fed contro gli asset rischiosi sta eliminando gli asset più speculativi, come le monete meme.
  • Lo stratega senior delle materie prime di Bloomberg Intelligence, Mike McGlone, ha previsto che la volatilità in calo rispetto ai mercati azionari consentirà a Bitcoin ed Ethereum di emergere

Per quanto i mercati delle criptovalute abbiano sofferto molto dall’inizio di maggio, le condizioni ribassiste possono durare solo per un periodo limitato e ci sono segnali che indicano che la recessione stia volgendo al termine o almeno si stia attenuando. In una recente intervista con Yahoo Finance, Mike McGlone, lo stratega senior delle materie prime di Bloomberg Intelligence, ha espresso la sua convinzione che anche se i nascenti mercati delle criptovalute soffriranno insieme all’S&P 500, ne usciranno vittoriosi.

Le misure della Fed contro l’inflazione hanno alimentato il recente crollo

McGlone ha spiegato che l’attuale performance dei mercati azionari e delle criptovalute è stata causata dalla lotta della Federal Reserve contro l’inflazione. Lo stratega di Bloomberg prevede che questa tendenza continuerà. Ha osservato che le criptovalute erano alcune delle risorse più rischiose e le più speculative, comprese le monete meme come Doge, vengono eliminate.

“La Fed sta vendendo chiamate. Ha bisogno che le attività di rischio scendano per ridurre la capacità delle persone di acquistare cose o l’inflazione non diminuirà. Alcune delle attività più rischiose e speculative erano le criptovalute. Quindi, quello che vogliamo fare è finalmente eliminare cose come i Dogecoin e gli Shiba Inu”.

Ha aggiunto che i token per sopravvivere a questa epurazione sono quelli che hanno dimostrato infrastrutture e prodotti che le persone usano effettivamente, citando casi d’uso come il coinvolgimento di Ethereum negli NFT e nella tokenizzazione. In linea con questo, ha previsto che alla fine Bitcoin ed Ethereum ne sarebbero usciti più forti.

Prevedendo un maggiore coinvolgimento degli utenti con i due token, McGlone ha parlato di una situazione in cui gli investitori non volevano perdersi la rivoluzione. La rivoluzione in questione era anche legata al fatto che le azioni Amazon attualmente redditizie nel 2009 avevano un livello di volatilità simile a quello attuale di Bitcoin. La volatilità di 260 giorni di Bitcoin, il 13 maggio si è attestata al 70%, circa la stessa proporzione delle azioni Amazon nel 2009.

“… ricorda se il mercato azionario continuasse a scendere Bitcoin ed Ethereum scenderebbero ma ne uscirebbero in vantaggio e il fattore chiave che posso sottolineare è che la volatilità di questi nascenti asset crittografici, in particolare Bitcoin, ha continuato in declino rispetto al mercato azionario. Questo è quello che è successo con Amazon quando è uscito per la prima volta”, ha detto lo stratega a Yahoo Finance.

Nel complesso, McGlone ritiene che Bitcoin uscirà in vantaggio dopo che la Fed si sarà occupata dell’inflazione poiché il token crittografico principale sta diventando una garanzia digitale globale.