La market cap delle crypto raggiunge 1,61 trilioni di dollari e la vendita di token MMTR continua alla grande

Memeinator Moneta
IL PROSSIMO PRESALE CON POTENZIALE x100?
Memeinator Moneta
IL PROSSIMO PRESALE CON POTENZIALE x100?

La market cap delle crypto raggiunge 1,61 trilioni di dollari e la vendita di token MMTR continua alla grande

By Crispus Nyaga - min. di lettura
  • La capitalizzazione di mercato delle criptovalute è balzata a 1,61 trilioni di dollari.

  • I dati di CoinMarketCap mostrano che la valutazione è pari a 1,59 trilioni di dollari.

  • Memeinator ha raccolto oltre 1,7 milioni di dollari negli ultimi mesi.

Le criptovalute sono diventate gli asset più performanti quest’anno, con l’impennata di Bitcoin e altri altcoin. Bitcoin si sta lentamente avvicinando al livello psicologico di 45.000 dollari, pochi mesi dopo essere crollato a 15.000 dollari. Ethereum, d’altra parte, si è stabilito comodamente sopra i 2.300 dollari, mentre monete come ORDI, Aurora e TokenFi sono aumentate.

La capitalizzazione del mercato delle criptovalute è in forte aumento

L’impennata dei prezzi delle criptovalute ha portato a un grande aumento della capitalizzazione di mercato totale. I dati stilati da CoinGecko mostrano che la market cap totale è balzata a oltre 1,67 trilioni di dollari. CoinMarketCap ha una cifra diversa, che ammonta a 1,59 trilioni di dollari.

Bitcoin ha guidato l’impennata di questa capitalizzazione di mercato, poiché ammonta a oltre 858 miliardi di dollari. Se fosse un’azienda, Bitcoin sarebbe la sesta azienda più grande al mondo dopo Apple, Microsoft, Saudi Aramco, Alphabet, Amazon e Nvidia. Bitcoin domina oltre il 53% di tutte le valute digitali.

Ethereum è la seconda criptovaluta più grande, con una capitalizzazione di mercato di oltre 272 miliardi di dollari. Altre grandi monete in tal senso sono Tether, BNB, XRP e Solana.

Ci sono alcuni motivi per cui la capitalizzazione del mercato delle criptovalute è aumentata. In primo luogo, per le crescenti speranze che la Securities and Exchange Commission (SEC) approvi un ETF spot sul Bitcoin. Se lo farà, c’è un crescente ottimismo sul fatto che le aziende richiederanno ETF di criptovalute come Ethereum, Ripple e Solana.

In secondo luogo, dal punto di vista della politica monetaria, gli investitori ritengono che la Federal Reserve abbia l’opportunità di tagliare i tassi di interesse. Se ciò accadesse, l’opinione è che Bitcoin possa sopravvivere in tutte le condizioni di mercato, poiché l’impennata iniziale è avvenuta in un contesto di bassi tassi di interesse. In una dichiarazione, un analista ha detto a Bloomberg:

“Quello che stiamo vedendo è una combinazione tra il ciclo delle criptovalute che entra nella fase rialzista, l’ambiente macroeconomico che diventa più favorevole verso gli asset rischiosi e notizie sempre più positive sull’arrivo degli ETF su Bitcoin ed Ethereum.”

Memeinator è fiorente

L’impennata delle criptovalute ha portato anche alla domanda di token non quotati. Memeinator, una nuova moneta meme che vuol diventare la prossima grande novità, ha raccolto oltre 1,7 milioni di dollari dagli investitori. Sperano che il token abbia lo stesso successo di altre monete meme, come Memecoin (MEME), Dogelon Mars, Pepe e Bonk.

La maggior parte di queste memecoin sono aumentate quest’anno e hanno creato molti milionari. Bonk è la 128esima criptovaluta più grande al mondo, con una capitalizzazione di mercato di oltre 422 milioni di dollari. Pepe ha un valore di oltre 672 milioni di dollari, cifre enormi.

Memeinator spera di creare valore incorporando sia le funzionalità delle monete meme che l’intelligenza artificiale, due dei temi più caldi del settore. Pertanto, è probabile che il token aumenterà dopo la sua quotazione nelle prossime settimane. Puoi acquistare MMTR qui.

Tuttavia, come tutti gli asset, investire in Memeinator comporta alcuni rischi. Il rischio maggiore è che il prezzo crolli violentemente subito dopo la quotazione. Se ciò dovesse accadere, è possibile avere delle perdite. Pertanto, la soluzione è adottare adeguate strategie di gestione del rischio, inclusa l’allocazione di fondi che ci si può permettere di perdere.